Accueil > [Archives] Vendée Globe > Communiqués > G+68 - Alessandro, Cap-hornier

G+68 - Alessandro, Cap-hornier

Toutes les versions de cet article : [français] [italiano]

Leri Alessandro ha doppiato il capo Horn alle ore 17 e 31 UTC (18 e 31 ora francese), la famosa roccia, dopo 68 giorni, 5 ore e 29 minuti. L’ultimo cap hornier della corsa naviga a 4326 miglia dal leader. Velocità media nell’ultima classifica 13,2 nodi, la migliore progressione di queste ultime 24 ore con 316 miglia percorse.

Lo skipper franco-italiano ha passato la sua ultima giornata nel Pacifico molto impegnato nella navigazione, come testimonia il suo messaggio del pomeriggio : « le Il vento rinforza, ho dovuto manovrare rapidamente per ammainare la vela di prua e poi riprendere la rotta, perché a alcune miglia da qui ci sono gli iceberg.. .Il primo si trova a circa 10 miglia a dritta di prua....Navigo con punte di velocità sui 23 nodi, la barca diventa un sottomarino, mare incrociato e vento a 30 nodi. ».

Mercoledì, quello che la squadra chiama " nel caso che " per il suo perfezionismo, ha finito di riparare il grande gennaker. Due ore passate nella cala vele per srotolare, asciugare, riscaldare e incollare i pezzi strappati. Ritiene di poterlo issare fra poco e salire in testa d’albero appena le condizioni lo permetteranno, « per il momento mi accontento delle vele che ho, per avanzare il più rapidamente possibile ».

La barca conosce bene la rotta, ma anche Alessandro conosce la strada ! Con il suo mini 6,50, Alessandro ha già doppiato Capo Horn il 17 aprile 2010, circa 6 mesi dopo la partenza da Les Sables d’Olonne.

Quello che ha detto
« Capo Horn in vista. Oggi è una bellissima giornata anche se un po’ nuvolosa. Il Capo è fantastico, significa molte cose per me e per tutti i dipendenti che seguono tutti i giorni il mio percorso sulla carta e vedono questo progetto avanzare. E ’anche il ritorno a casa, la risalita dell’Atlantico, la fine del grande Sud e i venti che cambieranno. Sento di nuovo una grande emozione, qui è un cimitero di barche. Questa notte non ho potuto dormire per colpa della vicinanza degli iceberg, ma sopratutto perche è l’ Horn, un passaggio mitico per ogni marinaio ».